Seleziona la pagina:

Salute e Sicurezza – Asseverazione SGSL/MOG

ASSEVERAZIONE SGSL – MOG

Il quadro Normativo

L’art. 30 del D.lgs. 9 aprile 2008 , n. 81, aggiornato al decreto legislativo 3 agosto 2009, n. 106, definisce i Modelli di organizzazione e di gestione:

Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, deve essere adottato ed efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per l’adempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi:

a) al rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a attrezzature, impianti, luoghi di lavoro, agenti chimici, fisici e biologici;

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti;

c) alle attività di natura organizzativa, quali emergenze, primo soccorso, gestione degli appalti, riunioni periodiche di sicurezza, consultazioni dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;

d) alle attività di sorveglianza sanitaria;

e) alle attività di informazione e formazione dei lavoratori;

f) alle attività di vigilanza con riferimento al rispetto delle procedure e delle istruzioni di lavoro in sicurezza da parte dei lavoratori;

g) alla acquisizione di documentazioni e certificazioni obbligatorie di legge;

h) alle periodiche verifiche dell’applicazione e dell’efficacia delle procedure adottate.

2. Il modello organizzativo e gestionale di cui al comma 1 deve prevedere idonei sistemi di registrazione dell’avvenuta effettuazione delle attività di cui al comma 1.

3. Il modello organizzativo deve in ogni caso prevedere, per quanto richiesto dalla natura e dimensioni dell’organizzazione e dal tipo di attività svolta, un’articolazione di funzioni che assicuri le competenze tecniche e i poteri necessari per la verifica, valutazione, gestione e controllo del rischio, nonchè un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.

4. Il modello organizzativo deve altresì prevedere un idoneo sistema di controllo sull’attuazione del medesimo modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure adottate. Il riesame e l’eventuale modifica del modello organizzativo devono essere adottati, quando siano scoperte violazioni significative delle norme relative alla prevenzione degli infortuni e all’igiene sul lavoro, ovvero in occasione di mutamenti nell’organizzazione e nell’attività in relazione al progresso scientifico e tecnologico.

5. In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) del 28 settembre 2001 o al British Standard OHSAS 18001:2007 si presumono conformi ai requisiti di cui al presente articolo per le parti corrispondenti. Agli stessi fini ulteriori modelli di organizzazione e gestione aziendale possono essere indicati dalla Commissione di cui all’articolo 6.

6. L’adozione del modello di organizzazione e di gestione di cui al presente articolo nelle imprese fino a 50 lavoratori rientra tra le attività finanziabili ai sensi dell’articolo 11.

Il D.lgs 81/2008 e s.m.i. prevede l’asseverazione dell’adozione ed efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della salute e sicurezza sul lavoro, di cui all’art. 30 del medesimo decreto legislativo, ed aventi l’obiettivo di prevenire i reati di cui all’art. 25 septies del D. Lgs. 231/01 e s.m.i.

Tale facoltà è demandata agli Organismi Paritetici (O.P.) così come definiti dall’art. 2 lett.ee) del D.lgs.81/2008 e s.m.i..

La legge tuttavia non declina alcun tipo di modalità o di requisito per l’attuazione dell’attività di asseverazione, salvo quella, prevista al comma 3 ter dell’art. 51 del decreto 81, secondo la quale “ai fini di cui al comma 3-bis, gli organismi paritetici istituiscono specifiche commissioni paritetiche, tecnicamente competenti”.

L’Art. 51 (Organismi Paritetici) del D.lgs. 81/08 in particolare prevede al Comma 3-bis. prevede che:«Gli organismi paritetici … omissis … , su richiesta delle imprese, rilasciano una attestazione dello svolgimento delle attività e dei servizi di supporto al sistema delle imprese, tra cui l’asseverazione della adozione e della efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza di cui all’articolo 30, della quale gli organi di vigilanza possono tener conto ai fini della programmazione delle proprie attività».

Come citato nel comma 6 dell’Art. 51 «Gli organismi paritetici di cui al comma 1, purché dispongano di personale con specifiche competenze tecniche in materia di salute e sicurezza sul lavoro, possono effettuare, nei luoghi di lavoro rientranti nei territori e nei comparti produttivi di competenza, sopralluoghi per le finalità di cui al comma 3».

Il rapporto tecnico UNI/TR 11709:2018 fornisce gli indirizzi operativi validi per tutti i comparti lavorativi, utili al rilascio dell’asseverazione dei MOG della salute e sicurezza sul lavoro adottati ed efficacemente attuati. Il Rapporto Tecnico fornisce altresì il testo valido per l’elaborazione di norme tecniche che trattino le modalità di asseverazione da parte degli O.P. di specifici settori.

Differenza tra SGSL e MOG

modello di organizzazione e gestione (MOG)

Modello organizzativo e gestionale per la definizione e l’attuazione di una politica aziendale per la salute e sicurezza, ai sensi dell’art. 6, comma 1, lettera a), del D. Lgs. 231/2001, idoneo a prevenire i reati di cui agli art. 589 e 590, terzo comma, del Codice Penale [4], commessi con violazione delle norme antinfortunistiche e sulla tutela della salute sul lavoro.

[Definizione tratta dal D. Lgs. 81/2008 [1], art. 2, comma 1, lettera dd)]

sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Parte del sistema di gestione di un’organizzazione utilizzato per sviluppare e implementare la propria politica e gestire i propri rischi per la sicurezza. Il sistema di gestione è un insieme di elementi tra loro correlati utilizzati per stabilire la politica e gli obiettivi e per conseguire questi ultimi. Comprende la struttura organizzativa e le attività di pianificazione (includendo, per esempio, le responsabilità, le
prassi, le procedure, i processi e le risorse).

[Definizione tratta dal rapporto tecnico UNI 11709:2018]

Differenza sostanziale fra un modello di organizzazione ed un sistema di gestione e che quest’ultimo non prevede nel suo percorso un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate e un idoneo sistema di vigilanza sull’attuazione e sul mantenimento nel tempo dei relativi requisiti. Pertanto, per l’attuazione di un corretto modello, vi è la necessità di identificare un organismo di controllo dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo che ha il compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza del modello e di curarne il suo aggiornamento (Decreto Lgs. 231/01).

Cos’è l’asseverazione da parte degli Organismi Paritetici?

L’asseverazione da parte dell’Organismo Paritetico è una scelta volontaria dell’impresa che attesta l’adozione di un modello di organizzazione e gestione della salute e sicurezza sul lavoro. L’asseverazione può avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa (D.lgs. N. 231 2001) ed offre vantaggi economici.

Con l’Asseverazione, l’organismo paritetico garantisce la conformità e la corretta applicazione del modello adottato dall’impresa alle norme vigenti.

L’asseverazione è, dunque, un provvedimento di “certificazione” con il quale l’Organismo bilaterale EBITEN, previo riscontro del possesso dei requisiti nel seguito riportati, concede ad Organizzazioni, sull’intero territorio nazionale, l’attestazione della adozione e della efficace attuazione dei modelli di organizzazione adottati. Tale attestazione prende il nome di CERTIFICATO DI ASSEVERAZIONE (la verifica positiva, da parte dell’Organismo Paritetico, circa la conformità del modello di organizzazione e gestione della sicurezza, al documento cogente di riferimento che consente il rilascio del certificato di Asseverazione che ne attesti che il modello stesso sia adottato ed efficacemente attuato.).

Il processo di Asseverazione, in ottemperanza alle previsioni dell’art. 51 del d.lgs. 81/08, è attivato su richiesta dell’organizzazione aziendale e consiste nella verifica dell’adozione e dell’efficace attuazione del Modello di organizzazione (SGSL/MOG). Al termine del processo valutativo viene rilasciato un Certificato di Asseverazione con validità triennale che di anno in anno sarà soggetto a “mantenimento”.

Vantaggi di essere asseverati

Numerosi i vantaggi per le organizzazioni asseverate tr cui spiccano:

1) il Modello di Organizzazione e gestione della Sicurezza (Art. 30 c.1,2,3,4 del D.lgs. 81/08 e s.m.i.) asseverato può avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica di cui al D. Lgs. n. 231 dell’8 giugno 2001 e quindi delle sanzioni pecuniarie previste (minima € 25.800,00 – massima €1.549.370,00, in relazione alle condizioni economiche e patrimoniali dell’azienda);

2) rientra tra i progetti finanziabili attraverso la partecipazione al bando ISI indetto dall’INAIL relativo agli incentivi in favore delle imprese che intendono realizzare interventi per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza sul lavoro; inoltre, le imprese Asseverate costituite da almeno due anni, possono richiedere, come noto, una riduzione del premio annuale INAIL (rif. modello OT/23);

3) gli Organi di Vigilanza possono tenerne conto ai fini della programmazione delle proprie attività;

4) rappresenta un possibile requisito per partecipare ai bandi di gara per l’aggiudicazione di appalti pubblici o privati, ove richiesto; consente di acquisire punteggi nei bandi di gara, ove richiesto dal capitolato;

5) favorisce la riduzione dell’indice di frequenza (Ig) e gravità (If) degli infortuni;

6) migliora la gestione dei rischi relativi alla salute e sicurezza;

7) consente una verifica continua dei requisiti cogenti applicabili in relazione al modello di cui all’Art. 30 c.1,2,3,4 del D.lgs. 81/08 e s.m.i.;

8) Comunica l’impegno dell’impresa per la prevenzione e per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Come ottenere l’asseverazione dell’EBITEN

L’EBITEN opera in tutti i settori ad eclusione del settore edile nel rispetto del TR UNI 11709:2018 in base al proprio Regolamento attività di asseverazione SGSL – MOG

Possono fare istanza di asseverazione inoltrando il modulo di richiesta asseverazione all’indirizzo mail PEC mog@pec.ebiten.it tutte le aziende aderenti e versanti ad EBITEN da almeno 6 mesi e che adottino un Modello di Organizzazione della sicurezza sul lavoro (SGSL/MOG) in conformità all’art. 30 del d.lgs. 81/08 da almeno quattro mesi.

Le organizzazioni che hanno più unità locali dovranno attivare il processo di asseverazione per tutte le unità.

Le aziende aderenti come sopra ma in condizione debitoria nei confronti dell’Ente (non correttamente versanti) potranno regolarizzare la situazione contributiva con conseguente riattivazione totale delle prestazioni con effetto dal primo giorno del mese successivo all’avvenuto pagamento – alle coordinate bancarie di seguito esposte – indicando nella causale il periodo di compensazione fermo restando il rispetto del requisito degli almeno 4 mesi minimi di adozione ed efficace attuazione del SGSL/MOG.

Le aziende non aderenti, fermo restando il rispetto del requisito degli almeno 4 mesi minimi di adozione ed efficace attuazione del SGSL/MOG, potranno volontariamente accedere al servizio versando con bonifico bancario in un’unica soluzione – alle coordinate bancarie di seguito esposte – il numero totale delle giornate uomo/giorno nonchè le spese generali di gestione delle pratica previste nell’Appendice A Appendice A e B

ENTE BILATERALE NAZIONALE DEL TERZIARIO – E.BI.TE.N.

Via Olivetti n. 7, 26013 Crema (CR)
Banca di Piacenza – Agenzia di Crema – Via Armando Diaz, 3 – 26013 – Crema – CR
IBAN: IT 24 W 05156 56840 CC0490007043
Causale: contributo per il finanziamento dell’Ente previsto dall’art.8 dello statuto vigente.

La richiesta di Asseverazione deve essere inoltrata all’Organismo Paritetico Nazionale EBITEN completa delle seguente documentazione:

  • Visura CCIAA dell’impresa
  • Informazioni essenziali sull’azienda: attività svolta, ciclo produttivo, dimensione aziendale, organigramma
  • Indicazione della linea guida o norma cui si è fatto riferimento per l’adozione o il mantenimento del modello di organizzazione e gestione di all’art. 30 del d.lgs. 81/08 e s.m.i.
  • Documento di Politica del modello di gestione datato e firmato
  • Manuale/i del modello di organizzazione e gestione SGSL/MOG completo di tutte le procedure e tutta la modulistica
  • Verbali di Audit interni e/o esterni effettuati
  • Ultimi verbali di riesame della direzione

il processo asseverativo può essere sintetizzato nella seguente figura 1 – processo di asseverazione

I tempi minimi per l’esecuzione della verifica in campo del processo di asseverazione sono illustrati nell’Appendice AAppendice A e B

Al termine dell’analisi di conformità del modello adottato, in funzione della dimensione aziendale e/o dell’esistenza di certificazioni di terze parti, saranno effettuati uno o più sopralluoghi/verifiche/audit al fine della verifica dell’efficace adozione del sistema. Al termine del processo valutativo verrà rilasciato un Certificato di Asseverazione con validità triennale che ogni anno sarà soggetto al mantenimemto dei requisiti.

Come entrare a far parte dell’Albo dei verificatori SGSL/MOG dell’EBITEN

I requisiti, il percorso formativo e le caratteristiche professionali per i verificatori e per l’RGV per l’asseverazione di SGSL/MOG sono illustrati nell’Appendice BAppendice A e B nonchè all’art.13) del Regolamento.

Per poter entrare a fra parte dell’Albo dei verificatori SGSL/MOG dell’EBITEN è necessario inviare la manifestazione di interesse all’iscrizione all’Albo dei verificatori all’indirizzo mail PEC albo@pec.ebiten.it

Il Comitato Esecutivo dell’EBITEN che si riunisce di norma mensilmente esamina le candidature all’accreditamento all’Albo dei verificatori.

L’EBITEN comunica a mezzo PEC l’accettazione o il diniego dell’istanza. A tal proposito l’EBITEN si riserva a suo insindacabile giudizio di comunicare le motivazioni alla base del diniego e/o di richiedere integrazioni all’istanza utili a perfezionare l’iscrizione all’Albo.

L’EBITENformalizza gli incarichi di prestazione professionale ai verificatori nei modi previsti dalla legge.

L’EBITEN controlla l’operato e monitora il mantenimento dei requisiti dei verificatori, con particolare riguardo agli aggiornamenti professionali e formativi necessari; i verificatori dovranno annualmente inviare il proprio C.V. aggiornato entro il mese di febbraio dell’anno successivo a quello di riferimento all’indirizzo albo@pec.ebiten.it .

Albo dei verificatori

Marco Malagnino Piemonte  – Moncalieri (TO)

Michele Addesa – Emilia Romagna – Parma

Giuseppe Vibracci Liguria  – Genova;

Gaggero Maurizio – Genova;

Enzo Bassi – Lombardia – Offanengo (CR);

Lucio Lasta Veneto – Vicenza;

Annalisa Lama Campania – Caserta;

Federico Pasquale Campania – Napoli;

Alfonso Arbore Campania – Napoli.

Maria Elena Crisi – Teramo;

Walter Schinocca – Torino;

Ing. Leonardo Di Pinto – Milano;

Valentina Chiappone – Nizza Monferrato – Asti;

Simone Genovese – Brindisi;

Massimo Bordin – Rovigo;

Valerio Sarti – Varese;

Gennaro Moreno – Varese;

Registro delle imprese/enti asseverati

pagina in allestimento

INAIL – Modello OT 23

E’ online il nuovo modello OT23 per la riduzione del tasso medio di tariffa

FONTE: www.inail.it

Normativa di riferimento:

 


Seleziona la pagina:

Come aderire

SEI UN'AZIENDA o uno studio di consulenza?
Registra l'adesione via web direttamente
dal portale MYEBITEN e compila la scheda anagrafica dell’impresa.

ACCEDI A MY EBITEN

Sei un lavoratore?
L’iscrizione dei lavoratori dipendenti avviene automaticamente
con il versamento del primo contributo che deve essere effettuato
tramite F24, codice “ENBI” e l’invio all’INPS del relativo file Uniemens.
L’INPS, in base alla convenzione sottoscritta con EBITEN, trasmetterà
i dati all’ente formalizzando le iscrizioni e la regolarità contributiva.
Modalità di versamento
Per tutte le informazioni sulle modalità di versamento
vai alla pagina: come aderire


Ulteriori informazioni
tel: 0373 476054
email: info@ebiten.it

Ultime News

Newsletter

iscriviti alla newsletter
Per rimanere sempre informato sul mondo EBITEN