Cos’è l’EBITEN?

E’ un ente bilaterale ovvero un’associazione no profit tra organizzazioni imprenditoriali  e sindacati lavoratori che copre tutto l’arco produttivo delle aziende. L’attivazione è voluta dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del settore per dare servizi ai lavoratori ed alle imprese.  L’EBITEN NAZIONALE è stato costituito il 9 DICEMBRE 2009 ed è operativo.

Quali sono i riferimenti normativi affinché un Ente Bilaterale/Organismo Paritetico possa definirsi “regolarmente costituito”?

Nella circolare n. 20 del 29 luglio 2011 il MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (Direzione generale della tutela delle condizioni di lavoro-Divisione III), nel sottolineare, correttamente, che tutta la normativa in materia di salute e sicurezza sul lavoro attribuisce un ruolo fondamentale alla bilateralità, quale strumento di supporto alle imprese e ai lavoratori, vengono indicati i criteri identificativi dei soggetti abilitati a svolgere i compiti che il Decreto Legislativo n. 81/2008 riserva agli enti e agli organismi bilaterali. A tal fine il Ministero ha ivi richiamato l’art. 2 del Decreto Legislativo 10 settembre 2003, n. 276 e s.m.i. e l’art. 2 comma 1 lettera ee) del Decreto Legislativo n. 81/2008, che per comodità di chi legge se ne riporta il contenuto.

l’art. 2 lettera h) del Decreto legislativo 10 settembre 2003 n. 276 definisce gli enti bilaterali:

<< organismi costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative, quali sedi privilegiate per la regolazione del mercato del lavoro attraverso: la promozione di una occupazione regolare e di qualità, l’intermediazione nell’incontro tra domanda e offerta di lavoro; la programmazione di attività formative e la determinazione di modalità di attuazione della formazione professionale in azienda; la promozione di buone pratiche contro la discriminazione e per la inclusione dei soggetti più svantaggiati; la gestione mutualistica di fondi per la formazione e l’integrazione del reddito; la certificazione dei contratti di lavoro e di regolarità o congruità contributiva; lo sviluppo di azioni inerenti la salute e la sicurezza sul lavoro; ogni altra attività o funzione assegnata loro dalla legge o dai contratti collettivi di riferimento>>.;

l’art. 2 comma 1 lettera ee) del Decreto Legislativo n. 81/2008,definisce quali organismi paritetici: organismi costituiti a iniziativa di una o più associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, quali sedi privilegiate per: la programmazione di attività formative e l’elaborazione e la raccolta di buone prassi ai fini prevenzionistici; lo sviluppo di azioni inerenti alla salute e alla sicurezza sul lavoro; l’assistenza alle imprese finalizzata all’attuazione degli adempimenti in materia; ogni altra attività o funzione assegnata loro dalla legge o dai contratti collettivi di riferimento.

A tal fine, di seguito, si mettono in evidenza gli elementi sintomatici dell’EBITEN che, come previsto dalla normativa, soddisfano tutti i requisiti:

1) Corrispondenza al requisito che prevede che “l’Ente Bilaterale sia costituito a iniziativa di una o più associazioni dei datori di lavoro e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative”. L’E.BI.TE.N. è stato costituito a Cremona (CR) in data 9 dicembre 2009 (repertorio n.1756; raccolta n.872) a rogito Notaio Dr. Francesco Scali, tra le organizzazioni sindacali dei lavoratori:

CONF.S.A.L. - Confederazione Sindacati Autonomi lavoratori con sede a Roma in Viale Trastevere, 60, C.F. 97279170589 (comparativamente maggiormente rappresentativa);

FE.S.I.C.A. – CONF.S.A.L. (Federazione Sindacati Industria, Commercio, Artigianato) con sede in Roma in Via Angelo Emo n. 89, C.F. 05968071000 (maggiormente rappresentativa);

CONF.S.A.L. – F.I.S.A.L.S. (Federazione Italiana Sindacati Autonomi Lavoratori Stranieri) con sede in Roma in Via Angelo Emo n. 89, C.F. 97383450588 (maggiormente rappresentativa);

e

l’organizzazione datoriale SISTEMA IMPRESA (Confederazione Autonoma Italiana del Commercio, del Turismo, dei Servizi, delle Professioni e delle Piccole e Medie Imprese) con sede in Crema (CR) via Olivetti n. 17, C.F. 91027920197 (maggiormente rappresentativa)

La partecipazione dell’organizzazione sindacale dei lavoratori comparativamente maggiormente rappresentativa CONF.S.A.L. nella compagine dell’Ente è un elemento sintomatico che si armonizza con la normativa in quanto mette in evidenza che esso è costituito “a iniziativa di una o più associazioni dei datori di lavoro e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative”.

2) Corrispondenza al requisito che prevede che l’Ente Bilaterale operi nel settore di riferimento e non in diverso settore.

L’E.BI.TE.N. opera nel settore del terziario ed eroga la formazione nelle aziende che esercitano un’attività che rientra in tale definizione: “il terziario è il settore economico in cui si producono o forniscono servizi e comprende tutte quelle attività complementari e di ausilio alle attività dei settori primario (agricoltura, allevamento, estrazione delle materie prime, ecc.) e secondario (industria) che vanno sotto il nome di servizi. In sostanza si occupa di prestazioni immateriali le quali possono essere incorporate o meno in un bene. Il settore terziario si può suddividere in tradizionale, comprendente servizi tradizionalmente presenti praticamente in ogni epoca e cultura, e avanzato, caratteristico degli ultimi decenni.”

Nel settore “terziario” le parti costituenti l’Ente Bilaterale, tra l’altro, hanno sottoscritto per discussione diversi contratti collettivi nazionali del lavoro (il C.C.N.L. per i dipendenti del terziario, della distribuzione e dei servizi del 22 novembre 2007; il C.C.N.L. per i dipendenti da centri elaborazione dati del 1 maggio 2007; il C.C.N.L. per i dipendenti degli studi professionali del 2 gennaio 2007 e il C.C.N.L. per i dipendenti delle imprese del turismo e dei pubblici esercizi del 14 dicembre 2007) e stanno discutendo la sottoscrizione di altri C.C.N.L. (quali ad esempio: credito e assicurazioni, meccanici, edilizia artigiano, poligrafici e spettacolo e tessili).

Il settore di riferimento dell’E.BI.TE.N., che è il “terziario”, contempla ogni attività svolta da imprese che non esercitano attività del settore primario e secondario.

3) Corrispondenza al requisito che l’Ente Bilaterale sia presente nel territorio di riferimento e non in diverso contesto geografico.

L’E.BI.TE.N. si articola sul territorio nazionale attraverso Enti Bilaterali regionali (costituiti su iniziativa delle medesime organizzazioni sindacali dei lavoratori e della stessa organizzazione sindacale datoriale soci dell’Ente Bilaterale Nazionale), quali ad esempio:

- EBITEN LOMBARDIA con sede a Crema (CR) in Via Olivetti n. 17, C.F. 01364250199 a rogito notaio Dott. Tommaso Gianì in data 2 settembre 2005 (rep. N. 82974 racc. N.13091)

- EBITEN MARCHE con sede a Ancona (AN) in Via delle brecce bianche n. 158/a, C.F. 02468130428 a rogito notaio Dott. Daniele Manera in data 6 maggio 2010 (rep. N.27.608 racc. N.9.614)

- EBITEN CAMPANIA con sede a Salerno (SA) in Via Luigi Settembrini, 24 C.F. 95129780631 a rogito notaio Dott. Maurizio Savio in data 26 febbraio 2010 (rep. N. 2480 racc. N. 1673)

- EBITEN PIEMONTE con sede a Torino (TO) in Via Beinette, 21/A C.F. 10550720014 a rogito notaio Dott. Daniele Manera in data 25 maggio 2011 (rep. N. 28.765 racc. N. 10.435)

- EBITEN LIGURIA con sede a Genova (GE) in Via Leoncavallo, 63 C.F. 02047770991 a rogito notaio Dott. Daniele Manera in data 25 maggio 2011 (rep. N. 28.766 racc. N. 10.436)

- EBITEN SICILIA con sede a Trapani (TP) in Via Colonnello Romey, 19 C.F. 02433470818 a rogito notaio Dott. Daniele Manera in data 25 maggio 2011 (rep. N.28.767 racc. N.10.437 )

- EBITEN VENETO con sede a Vicenza (VI) in Via del Carso, 37/B C.F. 03701710240 a rogito notaio Dott. Daniele Manera in data 25 maggio 2011 (rep. N.28.764 racc. N.10.434 )

- EBITEN LAZIO con sede a Roma (RM) in Via Fucino, 6 C.F. 11479511005 a rogito notaio Dott. Daniele Manera in data 25 maggio 2011 (rep. N.28.769 racc. N.10.439 )

- EBITEN EMILIA ROMAGNA con sede a Parma (PR) in Via Reggio, 6 C.F.02616070344 a rogito notaio Dott. Daniele Manera in data 25 maggio 2011 (rep. N.28.768 racc. N.10.438 )

Presumibilmente entro la fine dell’anno l’articolazione regionale si svilupperà anche nelle altre regioni italiane. Nelle regioni in cui l’Ente Bilaterale si è articolato viene garantito il concetto di “presenza nel contesto geografico”.

Quindi l’attività di formazione in materia di salute e sicurezza svolta da E.BI.TE.N. o realizzata in collaborazione con esso è valida?

L’Ente Bilaterale Nazionale del Terziario, in sigla E.BI.TE.N., è in possesso di tutti i requisiti di legittimità per lo svolgimento delle attività di formazione in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro (ex D.lgs. 81/2008) sia realizzata direttamente che in collaborazione con esso. L’EBITEN infatti è soggetto formatore nazionale, operante ope legis al rilascio di attestati sulla sicurezza sui luoghi di lavoro art. 8 bis, comma 3 del D.Lgs. 626/94, così come modificato dal D.Lgs. 195/03, Accordo Stato Regioni del 26/01/2006 - G.U. n. 37 del 14/0272006, recepito dal D.Lgs. 81/’08 art.32. comma 2 e 4 in quanto “organismo paritetico”. In base a quanto previsto al punto 4 delle Linee Interpretative del 5 ottobre 2006 dell’Accordo Stato-Regioni, pubblicate in G.U. n. 285, del 7/12/2007, l’EBITEN è soggetto abilitato ad erogare la formazione e ad effettuare le attività formative direttamente o tramite strutture formative di propria diretta ed esclusiva emanazione. A tal fine la società convenzionata opera quale struttura formativa di diretta ed esclusiva emanazione dell’EBITEN sul territorio. Il D.lgs. 81/’08 individua l’EBITEN quale soggetto deputato inoltre alla collaborazione nella formazione dei lavoratori e loro rappresentanti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro (art.37 comma 12 D.lgs. 81/’08; art.50 D.lgs. 81/’08). A tal proposito l’art. 51, comma 3, del D.lgs. 81/’08 da facoltà all’EBITEN a supportare le imprese nell’individuazione delle soluzioni tecniche ed organizzative dirette a garantire e migliorare la tutela della salute e sicurezza sul lavoro stabilendo anche che, per tali finalità, lo stesso ente è autorizzato ad effettuare sopralluoghi nelle aziende se collocate nel territorio di propria competenza.

Le singole aziende non associate ad associazioni firmatarie del CCNL hanno l’obbligo di aderire a un ENTE BILATERALE?

No.

Il lavoratore può aderire all’Ente Bilaterale se l’azienda non aderisce?

No.

In quale misura i versamenti individuali incidono sui servizi erogati dall’Ente Bilaterale?

L’Ente Bilaterale ha una natura privatistica ed eroga i servizi in base alle disposizioni di cassa, a prescindere dai versamenti individuali.